You are here

slave

La mia schiava francesca si racconta

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/29/2015 - 18:39

 mi chiamo Francesca e sono una delle schiave di padronebastardo.(chi mi vuole contattare per insultare, commentare etc può scrivere a [email protected])
mi piace l'esibizione, l'umiliazione e la dominazione sotto qualsiasi forma. Mi piace l'idea di provare il fremito della vergogna, della paura di sbagliare, e l'emozione di sentirmi privata di volontà e di potere. Sono eccitata dall’imbarazzo  e dell'umiliazione, inoltre mi eccita il  timore di venire denudata, esposta, esaminata, perquisita e punita. 

Greta il mio nuovo giocattolo secondo capitolo

Submitted by blogbdsm on Mon, 09/21/2015 - 13:23

Per Greta la prima notte di castità forzata fu una prova veramente dura, infatti era abituata a masturbarsi più volte durante il giorno per dare sfogo a quegli istinti da cagna che aveva e non poterlo più fare più era molto duro, la passerina infatti reclamava in ogni momento di essere soddisfatta, una soddisfazione che non le poteva dare in quanto sapeva che se avesse ceduto sarebbe stata punita severamente anche se non sapeva come. In più la sua natura masochistica la portava ad eccitarsi ulteriormente il che peggiorava di molto la situazione.

Journal of the slave one

Submitted by blogbdsm on Wed, 09/02/2015 - 07:57

it’s my first day of abstinence and is also the first time that I write what happens to me. I have never been good at keeping a journal, but certainly this is something very different: I do not do for mehappy to do but My master. That is his will that this morning I abandoned my usual clothes and I slipped in others in which I did not feel really comfortable: white lace bra, a white silk blouse semitransparent, a black cardigan, knee wool lightweight black brogues and a miniskirt burgundy rather short, very short. I did not put my usual slip coordinated as my master wants..

Profumo di Dafne da mistress a schiava 8

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/01/2015 - 18:38

 

Master Jack aveva fissato per sabato in una grande villa fuori città la punizione  Profumo di Dafne per aver osato lenire il dolore della passerina senza il suo permesso. L’ordine che il master aveva dato a Profumo di Dafne non le faceva presagire nulla di buono: le era stato ordinato di radunare e invitare per l’occasione tutti quelli che erano stati i suoi schiavi quando faceva la mistress. L’umiliazione di invitare coloro che l’avevano servita, riverita che erano stati usati come zerbini, cessi e il cui unico scopo nella vita era farla godere era tremenda.

Pages

Subscribe to RSS - slave