You are here

Susan addestramento di una schiava: la punizione

Submitted by blogbdsm on Sun, 09/16/2018 - 13:27

Bess tornò dopo essere stata dai suoi per alcuni giorni. Fece rotolare la valigia, trovandomi distesa sul divano. Mi disse in modo provocatorio “sembra che qualcuno si sia dato da fare durante il week end”, prima di andare in cucina e lasciare la spesa sopra la tavola. 

Mi misi composta sul divano e dissi”Non abbiamo scopato”
“Come hai potuto non scopare quell’uomo stupendo” lei mi disse
“Perché sono la sua sub e lui ha voluto così” dissi
“Wow disse Bess, quindi sarai la sua schiava sessuale in pratica?”
Facendo un enorme sorriso risposi:”è un po più complicato di così”
“No, non lo è “ mi interruppe Bess, aggiungendo “Farai qualsiasi cosa lui ti chieda?”
“Bè si…..”
Bess che mi conosceva bene fu abbastanza sorpresa. Sono sicura che pensasse che  il nostro gioco di dominazione, sottomissione non fosse una cosa più di tanto seria e non fosse lo stile di vita che volevo intraprendere.
Sentii suonare il cellulare: era un messaggio Whatapp di Cole che diceva  che tra mezzora sarebbe passato a prendermi . Ho frugato subito nell’armadio alla ricerca di un vestito passabile e ho maledetto di non aver abbastanza tempo per farmi una doccia, ho messo un po’ di trucco e sono uscita con un minuto di anticipo. Lui era lì ad aspettarmi con la sua Jaguar fiammante, con la capotta abbassata e mi guardava negli occhi come fa ogni gentiluomo inglese di campagna con la sua amante. Montando in macchina scivolai e quasi stavo per cascare non essendo abituata a portare i tacchi alti.

“Non sei abituata a portare i tacchi alti” disse Cole
“No, ma mi fanno migliorare molto le gambe” dissi io
“Adoro le tue gambe cagnetta, sto pensando a cosa mi piacerebbe fare con le tue gambe e con quella zona in mezzo a loro” disse Cole.

Dopo un rapido tragitto arrivammo a casa sua, portò la macchina in garage e mi disse”Seguimi”.
Uscimmo dal garage attraverso una porta, svoltò a destra fino a raggiungere l’area dietro la rimessa, percorse un sentiero fino a raggiungere un capanno di legno, lo seguii dentro, accese la luce rivelando  quello che a prima vista sembrava un capanno per gli attrezzi a giardino. Guardando meglio però vidi parecchi degli strumenti che avevo visto nei video bdsm che guardavo con Bess.
Sono rabbrividita, ma Cole come al solita sapeva quella che era la cosa giusta da fare e mi mise la mano sulla spalla, il modo ormai sicuro per farmi calmare.

“Rillassati cagnetta” disse con voce rassicurante, “ Non ho motivi per punirti adesso, volevo solo mostrartelo e spiegarti questi strumenti a cosa servono”. Mi fece cenno di togliermi i vestiti, me li tolsi e li misi in modo ordinato su una sedia dietro di me.

“ora cagnetta ti mostrerò un ispezione”,  disse passandomi un dito sul braccio come stesse verificando la polvere, si fermò e pensò un momento e disse”Bene ho scoperto che dovrò punirti per essere stata una cattiva cagnetta”.

“Perché padrone” dissi
“Questo è un po’ delicato da dire, diciamo che non ti sei lavata di recente” rispose
“Si, padrone sono stata una cattiva ragazza e merito di essere punita” dissi. Le mie esperienze con Bess mi avevano insegnato che dolore e piacere  erano cose che si univano e speravo di approfittarmi dell’occasione che mi era capitata per godere.
Cole prese un paddle di bambù che era appeso al muro e disse”adoro punire con gli strumenti di legnò”, mi fece piegare a novanta gradi e colpi le mie terga.

“mi fa molto male” dissi
“sei stata una cattiva ragazza e le cattive ragazze vanno punite” mi rispose, poi mi diede degli altri colpi molto più forti dei precedenti. Urlai dal dolore come non avevo mai fatto in vita mia, ma Cole fu totalmente indifferente alla cosa e continuò a colpire il mio sederino. A un certo punto il dolore si mescolò al piacere e sentii la mia fighetta gocciolante. Cole lo capì, si spogliò, il suo cazzo era già semi eretto e mi fece cenno di prenderlo in bocca. Aprii la bocca, spinsi la testa in basso, il suo cazzo passò da semi duro ad eretto, lo presi fino in fondo stavo quasi per strozzarmi.

“sei stata brava cagnetta, lavoreremo più avanti sulle tue capacità da bocchinara, ora sdraiati e apri le ginocchia” disse. Mi allargò le ginocchia e infilò il suo cazzo sulla mia fighetta inzuppata, impalandola fino in fondo.

“scopami padrone” dissi
“piano, voglio godermi questo momento rispose lui” rispose lui.

Ci abbracciammo restando immobili per qualche momento, io cominciai a spingere per massimizzare l’effetto della sua penetrazione.

“Oh mio Dio, voglio godere” dissi
“Aspetta cagnetta non puoi godere fino a quando non te lo permetto io” mi rispose fermandosi un attimo prima di ricominciare la penetrazione,  mentre stavo per venire  mi diede il permesso di godere”

“Sborro” disse

altri racconti erotici

sposa